Cerca powered by Google

Rete

Al via il centro europeo contro il crimine informatico

Ec3 operativo dall'11 gennaio a tutela di cittadini e imprese, con sede all'Aia, presso l'Europol.

09 Gennaio 2013

A partire dall’11 gennaio sarà operativo presso l’Ufficio europeo di polizia dell’Aia (Olanda) il nuovo Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica (Ec3), con lo scopo di proteggere cittadini e imprese.
Lo inaugurerà Cecilia Malmström, Commissaria Ue per gli Affari interni, e sarà diretto Troels Oerting.

L’Ec3 riunirà competenze ed informazioni, verrà fornito sostegno alle indagini penali e verranno promosse soluzioni a livello Ue.
Si concentrerà sulle attività illegali online compiute dalla criminalità organizzata, in particolare gli attacchi diretti contro l’e-banking e altre attività finanziarie online, reati contro la persona, contro i minori e quelli che colpiscono i sistemi di informazione e delle infrastrutture critiche dell’Ue.

Il Centro, inoltre, contribuirà a promuovere la ricerca e lo sviluppo, ad assicurare lo sviluppo di capacità da parte delle autorità incaricate dell’applicazione della legge, dei giudici e dei pubblici ministeri e a effettuare valutazioni delle minacce, compresi analisi delle tendenze, previsioni e allarmi rapidi.

Per smantellare un numero maggiore di reti criminali informatiche e perseguire più indiziati, l’Ec3 dovrà raccogliere e trattare dati relativi alla criminalità informatica e fungere da help desk per le unità di contrasto dei paesi dell’Ue.

Il Centro offrirà sostegno operativo ai paesi Ue e fornirà competenze tecniche, analitiche e forensi di alto livello nelle indagini congiunte.