Cerca powered by Google

Mediterraneo

Aziende europee pronte a fare affari in Tunisia

Tajani stringe i tempi per la conformità alle regole Ue dell'economia nordafricana. Prodotti elettrici ed edili i primi a essere coinvolti dagli accordi Acaa.

08 Marzo 2012

Il Vice Presidente della Commissione europea Antonio Tajani è in visita in Tunisia, dove si tiene la decima edizione della conferenza Femip (il Fondo Euro Mediterraneo di Investimento e Partenariato della Bei, la Banca europea per gli investimenti) per accelerare la preparazione in vista dei negoziati sugli accordi di accesso al mercato Ue con i Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo.

La visita ha lo scopo di rafforzare la partnership per far sì che le industrie e le Pmi europee possano sfruttare il potenziale delle relazioni tra la Tunisia e l'Ue.
Il dialogo porrà l'accento sul bisogno di mercati più integrati, attraverso regole comuni allineate a quelle europee, e il miglioramento delle infrastrutture tecniche, come laboratori e valutazioni di conformità.

Tajani incoraggia maggiore cooperazione nella riduzione della burocrazia per la regolamentazione intelligente per favorire l'internazionalizzazione delle rispettive Pmi, promuovendo cluster e reti.
Anche il settore del turismo vedrà una cooperazione rafforzata.
La Tunisia sarà invitata a far parte del programma Erasmus per giovani imprenditori.

I progressi della Tunisia nell'allinearsi al sistema legislativo e alla qualità dell'infrastruttura dell'Ue potranno abilitare l'accesso al Mercato Unico ai beni che rispondono ai requisiti che saranno stabiliti nel contesto degli accordi sulla valutazione di conformità e l'accettazione dei prodotti industriali (Acaa).

Tajani e il Ministro per l'Industria e il Commercio tunisino, Chakhari firmeranno una dichiarazione comune per sottolineare l'impegno delle parti nel concludere la fase preparatoria e aprire i negoziati per l'accesso al mercato al più presto possibile in vista dell'accordo Acaa da firmarsi nel futuro. Questo segnerà l'imminente inizio dei negoziati formali per i prodotti elettrici e edili.
L'accordo sarà poi esteso agli altri prodotti industriali quando le precondizioni saranno soddisfatte.

Gli accordi del tipo Acaa per l'accesso al mercato sono in questo momento a diversi stadi di preparazione o di negoziato con tutti i Paesi del Mediterraneo (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Autorità Palestinese e Tunisia) e con alcuni Paesi del vicinato (Ucraina).

Decima edizione della conferenza Femip
Il Femip si incentratra sul sostegno allo sviluppo del settore privato e sulla vocazione d'investitore di lungo periodo.
I tre temi principali della conferenza sono l'accesso a fonti di finanziamento diversificate e competitive per lo sviluppo del settore privato; la promozione dell'imprenditorialità e della formazione manageriale quale condizione per garantire la crescita; il rafforzamento della competitività internazionale delle imprese del Mediterraneo attraverso un riposizionamento delle stesse nel mercato globale.
Operativo dal 2002, il Femip ha investito complessivamente 12 miliardi di euro nell'area mediterranea